.
Annunci online

Gabbiano


Libri


25 luglio 2006

UN POSTO NEL MONDO

18.54
Non sto più aggiornando molto
le mie rubriche, così ho pensato
che invece sarebbe stato giusto
portarle avanti e visto che
ho appena finito di leggere
uno splendido libro che
mi è piaciuto da matti
ho deciso di inserirlo.
Il libro di cui vi voglio parlare
è "UN POSTO NEL MONDO"





TRAMA
Michele ha un amico, Federico.
Uno di quegli amici con i quali dividi tutto:
l'appartamento, la pizza e la birra,
ma anche i sogni e le frustrazioni, le gioie e i dolori,
e qualche volta le donne.
Un giorno Federico decide di mollare tutto e partire.
Stanco della vita monotona di provincia,
se ne va alla ricerca dell'altra metà di sé.
Michele invece resta.
Quando torna, dopo cinque anni,
Federico è cambiato.
Ora è sereno, innamorato di una donna (Sophie) e della vita.
Sembra una storia a lieto fine, ma non e così.
Federico all'improvviso riparte, stavolta per un viaggio
molto più lungo.
Ritornerà (a sorpresa) nascosto
dietro gli occhi di una bambina, Angelica.
Le vicende di Michele, Federico, Francesca e Sopjie
sono quelle di un gruppo di giovani alla ricerca
del loro posto nel mondo.
In questo nuovo libro Fabio Volo mette insieme
le vite dei protagonisti come i pezzi di un puzzle,
scegliendo ancora una volta
l'universo femminile come codice d'accesso.

AUTORE
Fabio Volo .

GENERE
narrativa italiana

CITAZIONE AD INIZIO LIBRO:
In ogni cosa ho voglia
di arrivare sino alla sostanza.
Nel lavoro, cercando la mia strada,
nel tumulto del cuore.
Sino all'essenza dei giorni passati,
sino alla loro pìragione, sino ai motivi,
sino alle radici, sino al midollo.
Eternamente aggrappandomi al filo dei destini,
degli avvenimenti, sentire, amare, vivere,
pensare, effettuare scoperte
Boris Pasternak

FRASI
(che mi sono piaciute particolarmente):
"...è la donna che amo.
E' un arcipelago. un insieme di meravigliose isole che io,
navigando nelle loro acque, visito in tutte le loro
delicate forme. Di lei conosco ogni piccola sfumatura,
ogni minuscolo dettaglio. Conosco i suoi silenzi,
la sua gioia. I suoi mille profumi, l'ombra dei suoi baci,
la carezza del suo sguardo. Amo la rotondità della sua calligrafia.
La luminosità delle sue spalle nude ed il suo collo
a cui ho sussurrato i miei più intimi segreti. Sono incatenato
dalla capacità che hanno le sue mani di creare attimi
di eternità dentro di me. Adoro i territori dove mi conduce
quando mi abbraccia. Territori che conosco pur non
essendoci mai stato. E nonostante tutta questa conoscenza
riesco ancora ad emozionarmi e a regalarmi istanti di stupore."
"...si incontra finalmente il piede che calza alla perfezione
la scarpetta che tengo in mano da anni."
"L'ho guardata negli occhi, quegli occhi
con cui da tempo anch'io vedo il mondo.
L'ho annusata sul collo come un marinaio
annusa il profumo del mare al mattino."
"C'è qualcosa di più bello al mondo che
una donna non lo contenga già nel suo sguardo?"
"Quale sarà la nostra cosa?
Io la mia non ho ancora capito qual è.
Ho la sensazione di essere qui su questo cavolo
di pianeta per fare qualcosa d'importante,
ma non riesco a capire cosa...Tu sai come si fa 
a capire qual è la propria cosa?
Boh... mi sembra che sto buttando via la vita."
"...sento che devo fare qualcosa di grande,
forse non per l'umanità interama per me,
qualcosa di straordinario per la mia vita,
anche se non ho ancora capito cosa"
"...voglio lasciarmi andare, voglio di più per me,
voglio buttarmi per cadere verso l'alto"

Aggiungerò le altre frasi in seguito...




permalink | inviato da il 25/7/2006 alle 19:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


16 aprile 2006

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

20.47

E mi sembra giusto inaugurare
la mia nuova rubrica
con uno dei miei libri preferiti.
"Il Gabbiano Jonathan Livingston".



TRAMA
Questo libro parla della voglia di lottare,
di ottenere ciò in cui si crede, e che spesso invece,
per paura di fallire o di essere giudicati,
non tentiamo neppure di intraprendere.
Al di là del testo, che può sembrare
in un primo momento fin troppo semplice e
forse elementare, narra, infatti, la storia
di un gabbiano che scopre la bellezza di librarsi nel cielo,
a differenza dei suoi compagni,
ai quali interessa solo poter volare per procurarsi il cibo,
si cela il significato profondo della vita: la ricerca della libertà.
Quella libertà alla quale tante persone ambiscono,
quella libertà per la quale tanti individui
sono costretti a lottare, ma soprattutto
quella libertà che ti rende unico.
Il piccolo e anticonformista Gabbiano Jonathan
riesce ad intravedere una nuova via da poter seguire,
una via che lo allontana dalla banalità e
dal vuoto del suo precedente stile di vita,
e comprende che oltre che del cibo un gabbiano vive
"della luce e del calore del sole, vive del soffio del vento,
delle onde spumeggianti del mare e della freschezza dell'aria...
". Jonathan desidera solo poter volare, compiendo
così quel gesto considerato tanto inutile, e far partecipi
della sua gioia anche i suoi amici, facendo
captare loro la sua pienezza, la sua meravigliosa scoperta
di quanto sia importante e bello poter e saper volare:
ma questi non lo capiranno, accecati da quei valori materiali
nei quali intravedono l'unica ragione di vita, e
soprattutto fermati dal timore di cambiare, arrivando
persino a cacciarlo dallo stormo, vedendolo come
una sorta di minaccia. Ma è proprio l'enorme forza di volontà
di Jonathan che prevale su tutti gli ottusi preconcetti
dei suoi simili: egli continua a volare, e a gioire delle nuove
emozioni che riesce a percepire.

AUTORE
Richard Bach

GENERE
Narrativo

Mi è piaciuto davvero perché è riuscito
a coinvolegermi pienamente, perché sento
che questo libro più di altri mi appartiene…


"Hai idea di quante di quante vite ci sara' toccato vivere, prima che ci passasse pel cervello che c'e' al mondo, qualcos'altro che conta oltre al mangiare, al beccarci fra di noi, oltre insomma alla Legge dello Stormo? (...) S'intende che per noi vale la stessa regola, anche adesso: scegliamo il nostro mondo successivo in base a cio' che apprendiamo in questo. Se non impari nulla, il mondo di poi sara' identico a quello di prima, e avrai anche la' le stesse limitazioni che hai qui."

" Se laggiu' avesse conosciuto anche solo una decima, anche solo una centesima parte, delle cose che adesso sapeva, quanto piu' senso avrebbe avuto allora, la vita! Chissa', si domandava, chissa' se laggiu' ci sara' qualche gabbiamo che si arrovella per superare i propri limiti, per scoprire come il volo non sia solo qualcosa che serve a procurarsi un tozzo di pan secco, sulla scia di una barchetta."
"Il fatto e', Fletcher, che bisogna superarli un po' alla volta i nostri limiti, con un po' di pazienza. Qui sta il trucco. Tu non eri ancora pronto per volare attraverso la roccia"

"Lui parlava di cose molto semplici. Diceva che e' giusto che un gabbiano voli, essendo nato per la liberta', e che e' suo dovere lasciare perdere e scavalcare tutto cio' che intralcia, che si oppone alla sua liberta', vuoi superstizioni, vuoi antiche abitudini, vuoi qualsiasi altra forma di schiavitu'.
(...) L'unica vera legge e' quella che conduce alla liberta'."
"Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo cio' che e' limitato. Guarda con il tuo intelletto, e scopri quello che conosci gia', allora... imparerai come si    VOLA."




permalink | inviato da il 16/4/2006 alle 21:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Persone Speciali
Frasi
Cinema
Test
Libri

VAI A VEDERE

la mia societa
per tutti i testi e le traduzioni
frasi per ogni occasione
ancora frasi
Cartoline - frasi - poesie
mitico diddle, mitico topino
...gabbiani
amore
un po' di gif
grafica
ancora grafica
forum di grafica

-BLOG-
amo blog
eleony blog
roby blog
viviana
daniele
mauro blog
uzzo blog
3lysa blog
vale blog
lilla blog
lisa blog
fotogramma blog
manu blog
emy blog
beba blog
semprepinguini blog
in_my_mind blog
carammella_acida blog
francesca blog
cisca blog
piccoladaisy blog
fusi blog
antoniomasotti
ibleo
sonosemprenelmiomondo
la_mitica_raffy
mitica-dany
Yogurtalimone
mirime
gioischia
piccolaV
safin
silviotta
scleretta
trilly





 

layout for myspace

 

                                          

  


 


Non pioverà


per sempre…


Il cielo


non cadrà sempre…


e anche se


la notte sembra lunga


le tue lacrime


non cadranno

per sempre.


Quando sono solo,


sto disteso

sveglio di notte


e vorrei che

fossi qui…


Mi manchi                       






              


                
                                 




Se credi in te stesso

e hai il coraggio, 

la determinazione

e la dedizione, 

l'atteggiamento competitivo

e se sei disposto

a sacrificare

le cose piccole della vita ed

a pagare

per quelle meritevoli,

può essere fatto


                         

                  


                         



                        
                              









     
                      &

        



 



 
                     
   


 
   
                          
              

  




                      
 

basket by mondoglitter.it                                        



           
         
      
       

 

 

 

 

 

 

 

 
 


 


 


 


 


 


 


 


 


CERCA